Agli inizi del ‘900, nel Sestiere di Castello in Campo SS. Filippo e Giacomo, a pochi passi da Piazza San Marco, nasce l’ Aciugheta. Divenuta famosa negli anni ’50 come “bacaro” dove poter assaggiare i cicchetti, piccole porzioni di cibo tipiche di Venezia, e sorseggiare del buon vino in calice. 

Alla fine degli anni ’70 lo chef Gianni Bonaccorsi, anima del ristorante Il Ridotto (1 stella Michelin), riapre i battenti dell’Aciugheta: “La sfida è stata quella di riproporre il concetto del Bacaro Veneziano, in cui "vino e cicchetti" sono attori indiscussi, in una scena però proposta in modo innovativo”
Lo chef Bonaccorsi, protagonista indiscusso, porta le sue invenzioni culinarie, mantiene le tradizioni storiche, come i classici cicchetti, Sarde in Saor, Baccalà mantecato, Polpette e Uovo con l’acciuga, e cicchetti più moderni come crostini che cambiano con la stagione e con l’ispirazione. “Il cicchetto simbolo del nostro locale rimane la Pizzetta con l’Acciuga, da accompagnare con un calice di vino da scegliere tra una vasta selezione di etichette nazionali ed internazionali, scelte tra piccoli produttori che esprimono al meglio il territorio in cui operano.”

Uno spazio curato, informale e accogliente, perla rara nell'offerta ristorativa veneziana. Nell'ampio e fresco dehors e nelle sale interne si possono gustare le pizze preparate con farina macinata a pietra, lenta lievitazione, massima digeribilità e ingredienti semplici ma accuratamente selezionati e sapientemente lavorati.