“30 anni fa ho rilevato, con un amico/socio, una pasticceria in centro storico a Reggio Emilia, poi ho lavorato con mio fratello e ora sono titolare della pasticceria Incerti insieme ai miei due figli Chiara e Matteo” racconta Franco Incerti.
Un locale elegante, moderno, luminoso, un laboratorio a vista dove qualità ed esperienza creano cose buone.
Troviamo un vasto assortimento che spazia dal dolce al salato, dalle colazioni alla pasticceria mignon, fino a prodotti per qualsiasi evento.

“Professionalità e utilizzo di materie prime di altissima qualità sono gli aspetti fondamentali della nostra filosofia. Cerchiamo di valorizzare le materie prime reggiane, dove possibile, e salvaguardare l’ambiente” spiega Franco.
“Il nostro fine è la qualità in ogni sua forma e questo ci ha portato all’utilizzo di pasta madre per tutti i grandi lievitati”. Dall’anno scorso la famiglia Incerti collabora con l’associazione FDP figli di pasta madre con lo scopo di far conoscere il lievito madre.
Vengono utilizzate materie prime come uova fresche deposte da galline allevate a terra, bacche di vaniglia burbon del Madagascar, acqua a Km 0 con impianto ad osmosi inversa, farina di grano tenero italiano macinata rigorosamente a pietra del Molino Quaglia: tutto ciò è il punto forte della pasticceria Incerti.