Kuoki, nome volutamente errato, è la rivisitazione in chiave moderna ed attuale del concetto di cuoco.
L’attività, aperta un anno e mezzo fa dai Fratelli Favalli, comprende due ristoranti e un hotel a 5 stelle.
“La nostra è una base” spiega Giovanni Boni, responsabile del laboratorio, “dove produciamo sia pasticceria, sia pane, grissini, focacce, tutto quello che è il salato per arrivare ai ristoranti e all’hotel. In più abbiamo il negozio da gestire. É un laboratorio unico, però diviso, c’è la zona degli impasti, la cucina, il lavoro si alterna, ci si aiuta quando i cuochi hanno bisogno, siamo una squadra”.
Uno staff che fin dalle prime luci dell’alba si dedica a creazioni di alta qualità, con particolare attenzione al biologico.
L’importanza degli ingredienti è “basilare” dice Giovanni “nella mia esperienza ho usato diverse farine, una decina di anni fa un amico mi ha consigliato il Molino Quaglia, stavo già usando delle buone farine però avevano la particolarità di essere, nell’arco dell’anno, instabili nel cambio di stagione. Col Molino Quaglia, invece, fin dal primo anno, ho visto stabilità, ottima qualità, e questo ha fatto in modo di continuare e cominciare ad usare anche le varie tipologie di farine. Adesso ci sono queste farine con cereali che il Molino produce che io trovo squisite e che stiamo già testando”.

Location dal design moderno e metropolitano. Una proposta a 360°: si parte con la colazione, con oltre 10 tipi di brioche, marmellate e creme fatte in casa. Si passa dall’aperitivo alla pausa pranzo, alle merende sfiziose sia dolci che salate, per concludere la giornata con la cena con specialità di tendenza: pizze gourmet a lunga lievitazione, hamburger preparati con carne di altissima qualità, tutto accompagnato dai migliori vini.