Tutto inizia da un soprannome, Roc, quello dato in paese a Giovanni Zanoni. Il figlio Giuseppe, nel 1978, decide di aprire la pizzeria e dedicarla alla sua famiglia. Nasce così “Rock dal 1978”.
Oggi a condurre l’attività ci sono i figli di Giuseppe: Patrick e Gianluca seguono la pizzeria insieme alla madre, mentre Laura e Lilli le gelaterie.
“Quando io e mio fratello abbiamo preso in mano il locale”, racconta Patrick, “abbiamo rivoluzionato la classicità anni ’80 della pizzeria spostando il nostro obiettivo verso la cura del dettaglio e la ricerca della qualità”.

Patrick inizia presto questo lavoro, prima aiutando il padre, poi frequentando l’istituto alberghiero. Capisce che la passione per la pizza è molto forte in lui: “mi piaceva fare il cuoco, ma forse non troppo come la pizza”.
Patrick propone la sua “interpretazione della pizza napoletana. La differenza sta nella cottura, io la cucino di meno e la pallina è da 260 gr anziché 200 gr, quindi è la mia versione, anche se ho avuto un pò di critiche”.

Il menù è fisso con una sezione aggiornata stagionalmente. Offre 3 tipi di impasto: la pizza “ALTA” con Petra® 1 e Petra® 9 con biga di lievito di birra e lievito madre; la pizza “BASSA” un mix di Petra® 3, Petra® 1111 bio, Petra® 8610 (semola di grano duro rimacinata) e una puntina di Petra® 9; “LIGHT INTEGRALE” quasi tutta Petra® 9 con biga Petra®1 e Petra® 1330 (farina di grano tenero germinato “tipo 1”), con idratazione molto elevata.
Un topping molto particolare? Fior di latte, spinacini spadellati, tagliata di vitello, capperi, caffè e nocciole. 

“La cosa bella del mio lavoro?” dice Patrick “Partendo dalla farina si riesce a creare un prodotto fantastico, un prodotto fatto non solo per saziarsi, ma per stare bene. Il nostro motto è: FA CHE IL CIBO SIA LA TUA MEDICINA E LA MEDICINA SIA IL TUO CIBO.”