Pizzaiolo di seconda generazione, Igino Caruso è il titolare del Ristorante Pizzeria Caruso a Trecate in provincia di Novara.
Originario di Tramonti (Salerno), dopo anni di apprendistato, nel 1989, Igino rileva, insieme alla moglie, il ristorante del padre ed acquista i locali adiacenti, ampliando l’attività.
“Ho voluto mantenere la tradizione unendola, però, alla ricerca di soluzioni più contemporanee”, spiega Igino. “Ho conosciuto il Molino Quaglia attraverso riviste del settore e nel 2013 ho frequentato l’Università della Pizza ed è da qui che ho avuto una svolta a livello professionale”.

A pochi passi dal centro di Trecate, la pizzeria Caruso accoglie i propri clienti in un ambiente elegante e contemporaneo.
“Del mio lavoro amo la parte creativa”, racconta Igino, “ma amo anche stare a contatto con le persone, scambiarsi le idee. Sono curioso, non mi fermo mai. Devo dire la verità, fare il pizzaiolo non mi è mai piaciuto, la passione è arrivata col tempo e poi è esplosa. Ho notato che negli anni è cresciuta sempre di più l’attenzione verso il prodotto di qualità”.
Da Caruso troviamo solo materie prime eccellenti: pomodoro San Marzano dop, polpose e aromatiche acciughe del Mar Cantabrico, fiordilatte di Agerola e di Spilinga, la più pregiata ‘nduja calabrese e le farine macinate a pietra del Molino Quaglia.
“Proponiamo la pizza classica italiana con un piccolo bordo” dice Igino ”ultimamente anche la pizza in padellino con impasto Petra 3 e integrale Petra 9. Uniamo la tradizione campana con prodotti del territorio di Novara”.
Un menù annuale che prevede l’inserimento di una pizza speciale al mese seguendo la stagione.
Un continuo aggiornamento e una costante ricerca di materie prime di qualità sono le basi fondamentali di Igino e della sua pizzeria.