Claudio Delli Poggi ha oltre trent'anni di esperienza alle spalle. Ha iniziato a sedici anni lavorando nel locale di famiglia. Nel 1989 apre il Charlie di Orvieto, insieme ai fratelli Stefania e Stefano Delli Poggi, sommelier e responsabile di sala, e il figlio William. Qui la pizza è la principale protagonista della scena, assieme ai piatti della cucina attenta alla tradizione, ai sapori locali e ai prodotti lievitati da forno (dal panettone al pane con lievito madre).

Il filo conduttore di tutte queste proposte è una selezione consapevole delle materie prime e il rispetto delle tecniche di lavorazione. Per la pizza questa attenzione è tradotta nella scelta di farine di prima qualità, nella preparazione di impasti con una lunga e attenta lievitazione, nel preparare unioni di ingredienti tra chilometro zero ed eccellenze gourmet. Il punto di riferimento è il Manifesto della pizza Italiana, sottoscritto da Claudio Delli Poggi nel 2012, al termine del suo percorso a Università della Pizza.
“Il mio cambiamento, soprattutto, è venuto nelle conoscenze tecniche”, spiega Claudio, “siamo entrati dentro il problema degli impasti e delle lievitazioni e abbiamo acquisito conoscenze ulteriori e da qui c’è stata l’evoluzione”.

Il menu è stagionale, sempre alla ricerca di novità e prodotti nuovi.
“Possiamo fare un prodotto mediocre con materie prime mediocri, ma se noi applichiamo la nostra tecnica, conoscenza ed esperienza su materie prime eccellenti, riusciamo a proporre un prodotto eccellente”.
Tra gli ultimi ingressi una pizza con base 100% integrale di farina Petra 9 con fiordilatte, verdure di stagione cotte in forno e all'uscita un'insalatina di differenti germogli (senape, ravanello e rucola...) coltivati biologicamente da un'azienda agricola poco distante dalla pizzeria. Novità che si affiancano alle altre proposte: con burrata, crudo e pomodorini ciliegino confit; salmone e finocchi marinati; pomodoro BIO Petrilli, acciughe di Cetara, pomodoro appena passito e cipolla rossa marinata; Filetto di tonno al sesamo verdure saltate.

“Per me la pizza posso dire che è amore… e non voglio esagerare”, Claudio Charlie Delli Poggi.