Mai nome fu più indicato. Questo locale è davvero un incrocio di ingredienti e sapori, che diventano forma in una cucina che esalta i sapori di terra e mare, che propone i piatti della tavola napoletana, che rinnova la pizza partendo dalla tradizione napoletana per distinguersi e differenziarsi.

Alfonso Contieri gestisce L’Incrocio, un locale moderno a Torre Annunziata, vicino ai siti archeologici del Circum, dove turisti e clienti abituali possono gustare un'offerta di alta qualità. Piatti e pizze sono preparate con ingredienti DOP o presidi Slow Food selezionati con cura, lievito madre e farine macinate a pietra, Petra 3 e Petra 9.
In cucina lo chef Ciro Cirillo che, dopo una splendida esperienza in un ristorante stellato, ha deciso di ritornare ai fornelli de L’Incrocio e di dare una svolta gourmet ai piatti del ristorante. “Stiamo rivisitando la cucina tipica napoletana, senza stravolgere la classicità della ricetta ma inserendo qualche elemento di novità”, spiega lo chef.

Il menù pizze è creato dal pizzaiolo gourmet Antonio Cirillo, fratello dello chef. Esalta la stagionalità dei prodotti, lunghe lievitazioni e alta idratazione, per una proposta di pizze che si rinnova continuamente: nei mesi più freddi con il profumo della zucca, dei porcino, delle castagne. Nella bella stagione con tutta la varietà di pomodori freschi del territorio campano. Pizze che completano un menu ricco di proposte classiche e gourmet, a partire dalla pizza della casa, l'Incrocio: Pacchetelle di pomodoro del Piennolo del Vesuvio Dop, mozzarella di bufala dop, una spruzzata sapiente di pepe aromatizzato, basilico freschissimo e olio extravergine d’oliva Pregio delle colline salernitane.