Sesto Gusto è il nome scelto da Massimiliano Prete per la sua più recente apertura nel centro di Torino. Il locale, nel cuore del Piemonte, che propone pizze contemporanee e dessert da alta ristorazione e che succede alle fortunate esperienze del Teatro del Gusto e Gusto Divino a Saluzzo, le sue prime insegne dedicate alla pizza attive dal 2012 e dal 2014.
Pizze che sintetizzano tutte le sue esperienze professionali. Gli anni da pasticciere, alla guida della sua pasticceria Piazza Affari a Saluzzo, hanno lasciano un approccio rigoroso formale e l'attenzione al dettaglio tecnico ed estetico. Il percorso di Università della Pizza gli ha permesso di approfondire metodi e ricette per lievitati, creando numerose occasioni di crescita, confronto con colleghi ed altri professionisti.
Così nella più recente insegna di Torino e nelle proposte delle due di Saluzzo si trovano interpretazioni contemporanee la cui particolarità sta negli impasti, che variano tra strutture diverse, utilizzando esclusivamente farine macinate a pietra per impasti a lievito madre leggeri e digeribili, preferendo spesso alte idratazioni. Topping ricercati ed equilibri di gusto sempre innovativi rendono i suoi lievitati unici ed emozionanti.
Diventa così possibile degustare la pizza in tutte le sue espressioni. Sei impasti sempre disponibili: romana, focaccia imbottita, idrolisi senza lievito, soffice, pala e classica.
La Fa Croc è una reinterpretazione della focaccia romana imbottita con un profumo e un aroma di grano tostato che ne esalta al massimo la croccantezza; la pizza soffice a pasta alta è chiamata Pizz'Otto, una “nuvola di grano” (così definita nel menu) perché servita tagliata in 8 spicchi; oppure la "pizza senza lievito" Gusto Autentico: è una novità assoluta, preparata con il metodo autolisi o idrolisi non si rifà altro che alla tecnica più antica che l’uomo abbia mai utilizzato, innescare una fermentazione spontanea senza l’aggiunta di alcun lievito, né naturale, né pasta madre. Recentissima l’Evolutiva, realizzata con una farina nata da grani antichi siciliani.
Pizze riconosciute per le loro qualità anche dalla guida Pizzerie d'Italia di Il Gambero Rosso, premiate con i tre spicchi e con il riconoscimento Maestro d’Impasti 2017 conferito a Massimiliano Prete.