Nel dicembre 2014 Gianluca Arcovito e Gennaro Denaro, messinesi, si mettono in gioco rilevando un vecchio teatro chiuso da tanto tempo. Nasce il ristorante pizzeria L’Orso dove i due giovani soci sposano il progetto di “qualità dei prodotti”.
“Amiamo selezionare l’eccellenza” , spiega Gianluca, “siamo fermamente convinti che investire nelle materie prime migliori e valorizzare le maestranze porti dei grandi risultati”.
Tutte le pizze sono realizzate con farine macinate a pietra, integrali e semintegrali, con altissima idratazione e con tempi di lievitazione lunghi. Il maestro pizzaiolo è Matteo La Spada, il quale si dedica al suo lavoro con passione e grande professionalità. “Sono da sempre appassionato alle farine e all’arte bianca in generale”, racconta Matteo, “il segreto delle bontà delle mie pizze sta nella qualità dei prodotti utilizzati e nella mia grande voglia di sperimentare”.

In menù troviamo pizze gourmet:
“Regno delle due Sicilie” con datterini gialli in succo, capperi in sale marino, foglie di cappero in sale marino, filetti di alici di Cetrara, olive nere, origano selvatico, olio extra vergine d’oliva.
“Corona del Re” con datterini gialli in succo, prosciutto crudo di Parma DOP, ricotta fresca, pesto di rucola e noci.

E in estate L’Orso si sposta ad un passo dal mare, al lido Blanco Beach, dove sorseggiare un buon cocktail o scegliere tra ristorante e pizzeria, con cene a base di pesce o carne, cucina italiana o multietnica, rigorosamente con prodotti di elevata qualità.

Un risultato di grande prestigio, che per i titolari de L’Orso non è un traguardo ma un trampolino di lancio verso nuove sfide, è aver ricevuto i due spicchi nella guida del Gambero Rosso 2018.
“Siamo sempre alla ricerca di innovazione”, dice Gianluca, “pur restando molto ancorati nella tradizione del made in Italy”.